Diretta al Mourjean e Brec de Chambeyron

<< Continua dal racconto della salita della Via Berardo sullo sperone est del Parias Coupà, alta Valle Maira.

Dopo aver risalito ancora qualche metro fino a toccare la vera e propria cima del Parias Coupà, proseguiamo seguendo la cresta: ci ricongiungiamo quindi con quella linea immaginaria che concretizzandosi sul filo di instabili pietre collega il Buc de Nubiera al Brec de Chambeyron. Il nostro prossimo obbiettivo svetta illuminato dai raggi radenti del sole della sera; non lo raggiungeremo in serata. Ciò che dobbiamo fare ora è proseguire fino a trovare un posto che ci aggradi per bivaccare.

il bivacco

A distanza di giorni fatico nel raccontare, ogni parola mi pare banale. Anche nello scrivere le mie aspirazioni sembrano sempre amputate. Ciò su cui si posano i miei occhi è troppo più grande di me per essere degnamente celebrato e la scarna essenzialità delle nostre azioni non si presta a pindarici lirismi.

Al riparo di un grosso masso abbiamo ripulito dalle pietre uno spazio abbastanza pianeggiante dove prepariamo il nostro bivacco, semplicemente stendendo un telo e i sacchi a pelo, e riponendo vicino le attrezzature, i vestiti sudati ad asciugare nell’aria tremolante della sera. Seduti nei sacchi consumiamo la nostra cena: un cartoccio di minestra già pronta, un pezzo di formaggio e della frutta secca; l’acqua permessa non concede soddisfazioni di alcun tipo. Tutto è sacralmente saporito.

Il sole declina poco a poco sull’orizzonte di paesi per me sconosciuti; nei momenti che si inseguono alziamo la testa oltre il masso per ammirare lo spettacolo cangiante. Infine, quasi percependo l’impensabile sensazione della rotazione terrestre, viene buio.

Monviso e Visolotto nella luce radente del tardo pomeriggio
Il sole si agginge a tramontare

Dormo a intervalli: di tanto in tanto cambio leggermente la posizione del mio corpo e volgo lo sguardo al cielo tempestato di stelle che è il più bel tetto sotto cui abbia mai dormito; sul suo tappeto di blu profondo e impenetrabile le figure mitologiche degli avi si inseguono suggerendo suggestioni capaci di variare dal razionale quasi scientifico alla purezza metafisica. Solo il vento attraversa lo smisurato silenzio e la luce pallida della luna delinea il paesaggio nel buio mai completo. La civiltà è lontana, tant’è che in una fantasia passeggera si potrebbe quasi immaginare di essere i primi uomini, scacciati dall’Eden sulla brulla terra abitata dalle altre creature soltanto, oppure gli ultimi di una stirpe estinta, tanto son mute le valli e le pianure. Tuttavia nessuna di queste due immagini può esprimere il senso di grande e fortunato privilegio che caratterizza la nostra condizione. Ricordo un pomeriggio, tornando a casa con mio padre, quando gli dissi – e mi ritorna il suo sorriso pieno di compiacimento e l’entusiasmo del suo rispondere – ch’eravamo dei privilegiati a far quella vita seppur un po’ scomoda: vivere da soli in una casa di una borgata quasi disabitata di montagna. Eravamo veramente simili agli déi, per quanto la morte volle ricordarci d’esser meno di quanto pensassimo: la stessa polvere che calpestavamo sulla via che tanto amavamo percorrere insieme, quella delle vette. Dormendo lì sul filo della cresta mi è sembrato almeno per qualche istante fugace di comprendere come sia bello l’albergo eterno dove egli soggiorna. Da sei anni ormai. Sento sempre nella mia mente il suono della sua risata.

Prime luci
domenica 23 settembre 2018

Non c’è sveglia per alzarsi, il nuovo giorno ci accompagna da sé; tuttavia, tra le prime timide luci ad oriente e l’alba totalizzante godiamo ancora di un ultimo riposante torpore. Non so quanto duri, se siano pochi minuti o quasi un’ora. Non c’è nessuna angoscia, nessun desiderio di fuga, nemmeno un senso di premura. Piuttosto quasi un dispiacere nel doversene andare. Ma si deve tornare in azione: mangiamo qualche barretta e beviamo il solito poco di preziosa acqua, ritiriamo il materiale per la notte, ci vestiamo, indossiamo l’attrezzatura e si parte.

Il sole che sorge ci invita alla partenza

Tra sali e scendi e fragili traversi raggiungiamo il Pas de Jean: da qui, versante Maira, delle cenge scabrose, malsicure, improteggibili, fatte di terra e detriti compattati, conducono alla via normale per il Brec de Chambeyron; sempre qui giunge il momento di mettere in atto i propositi che stanno in principio della nostra venuta in questo luogo: scalare direttamente il Mourjean. Ci è stato riferito che ciò sia già stato fatto seppur da pochi, tuttavia, confrontando i racconti con la linea di salita da noi tentata non possiamo aver certezza della coincidenza dei percorsi. Di tanto in tanto mi ritrovo a sognare che, per quanto breve, la nostra sia una nuova via, per così dire. Di per sé la cosa non ha rilevanza, è bella di per sé, senza ulteriori aspettative, ma nel mio cuore resta comunque un momento importantissimo e per niente scevro di emozione.

Momenti lungo la cresta, prima di raggiungere il Pas de Jean

Abbiamo quindi attaccato il Mourjean in piena parete, invitati da un sistema di fessure che avevamo già osservato da lontano. I primi tre tiri della salita sono abbastanza simili tra loro: muretto più impegnativo e rocce o cengette più rotte, facili, friabili. Alla fine di queste lunghezze, abbastanza breve la prima, ci troviamo in prossimità dello spigolo sud-est. Davanti ai nostri occhi si presenta una bella parete di calcare rossastro lavorato e – sorpresa – compatto! La scalata, tralasciato un blocco un po’ inquietante in partenza, è finalmente stupenda e culmina a pochi metri dalla cima del Mourjean, segnalata da un ometto di pietre con infisso un minuscolo bastoncino.

Arrampicando sul Mourjean
L’ultimo tiro sul Mourjean

Da questo punto la cima del Brec de Chambeyron, immaginando ancora una salita diretta, è almeno momentaneamente fuori portata: si innalza infatti davanti a noi con un muro severo. Ma sempre lato Maira delle cenge, ora più invitanti, conducono in pochissimi minuti alla via normale. Scoprirò dopo che questo passaggio è la normale per raggiungere il Mourjean, per certo comprensibilmente snobbato in favore della adiacente cima maggiore, verso la quale decidiamo di proseguire, non essendovi io mai stata. Sbuchiamo a pochi metri dal passaggio chiave, attualmente attrezzato con soste moderne e sicure. Decidiamo di abbandonare gli zaini e partiamo con due caramelle in tasca che saranno una strana sorta di premio finale una volta arrivati in vetta.

Andrea sulla normale al Brec, appena superata la caratteristica placca con un passo di IV
Ultimi metri prima del pianoro sommitale

Con due bei tiretti – di cui un altro simpatico caminetto con cui cerco la mia rivincita sul genere – sbuchiamo sul detritico pendio sommitale, e in breve tocchiamo la croce. In questo giorno veramente la quota e il punto d’arrivo non contano nulla: è la scalata, il cammino, il viaggio, insomma ciò sta nel mezzo tra l’idea e la sua realizzazione, quello che conta.

L’arrivo in cima al Brec de Chambeyron
Uno sguardo verso il percorso fatto

Come sempre bisogna affrontare la discesa; la prima parte di essa, per la via normale del Brec percorsa a ritroso, eccezionalmente friabile e scivolosa, sarà snervante. Giunti poi in prossimità del sentiero sarà solo più questione di pazienza e inevitabile necessità, con la croce della sete che non accenna a placarsi e il dolore di due bolle sotto la pianta dei miei piedi, causate dall’attrito maggiore del solito ottenuto arrampicando parecchio con le scarpe da avvicinamento, un po’ troppo morbide, soprattutto nella giornata di sabato, in cui abbiamo indossato le scarpette solo per quattro tiri (ormai il giorno successivo, come si suol dire, la frittata era fatta). Decidiamo di fare una breve deviazione per raggiungere il Bivacco Barenghi, dove troveremo infine un po’ di acqua.

Mi piace ancora ricordare il gesto generoso di un alpinista ligure e del suo compagno, incontrati durante la discesa, che arrivati al Rifugio Stroppia, dove avevano pernottato, ci hanno offerto una bottiglia di acqua fresca che avevano lasciato lì, dove secche erano ormai le fonti. Solo più tardi, incontrato un ruscello, l’acqua tornerà ad essere abbondante, banale e scontata come è nei nostri giorni grigi spesi tra le abitudini e le comodità del mondo contemporaneo. Ma com’è vero che l’acqua è vita, credo in quel giorno d’aver ricevuto da una persona il dono più prezioso.

In questa foto scattata giungendo al Pas de Jean, Andrea ha gentilmente tracciato con una linea rossa dove siamo saliti sul Mourjean (max IV+ secondo noi). Scattate da lui anche le foto in cui compaio, che resteranno tra i piacevoli ricordi di queste giornate. Grazie di tutto, come sempre!

Parias Coupà: via Berardo, Sperone Est

Niente di più sbagliato che credere che la stagione alpinistica potesse in qualche modo finire sul Cervino. Nemmeno è continuata in discesa: dopo qualche bella arrampicata svoltasi principalmente tra le montagne di casa – teatro principale la Serra dell’Argentera – inizia a sorgere una nuova proposta che arriva da Andrea. Il primo spunto riguarda il genere: una lunga traversata per cresta.

Inizialmente le idee sono tre e presto iniziamo a pensare più chiaramente alla Valle Maira e alla zona del Brec de Chambeyron, dove si può compiere la bella traversata classica raggiungendo la cresta sul Buc de Nubiera. Tuttavia in un certo punto ci si discosta dal filo e si percorrono delle malsicure cenge improteggibili che conducono alla via normale del Brec. E fare una salita integrale?

Andrea mi manda delle fotografie del muro di 150 metri circa prima del quale si abbandona la cresta: si tratta del Mourjean, quasi una spalla del Brec. Inizia quindi la ricerca delle informazioni, che dura parecchi giorni; intanto la voglia di partire non fa che aumentare. Veniamo a sapere che in passato qualcuno si è già avventurato da queste parti scalando in modo più diretto quelle pareti, persino da slegato, superando difficoltà di V grado. Tra i racconti salta fuori anche un consiglio: perché percorrere la cresta, dove la roccia è molto scadente, quando si potrebbe scalare una via diretta al Parias Coupà, grandiosa, lunghissima, poco conosciuta? Siamo intrigati.

Questa montagna, quotata 3248m, seguendo la cresta dal Buc de Nubiera (3215m), si trova tra la Tête de Cibiroles (3236m) e l’Aiguille Fochs (3275m); la sua vetta (in copertina) è composta di compatte placche di calcare, molto estetica, sul versante italiano precipita verticale per centinaia di metri in un abisso impressionante. Proprio sul lato Maira la montagna presenta uno sperone abbastanza evidente nella luce del mattino. Al salirlo nel 1957 fu Renzo Berardo con il compagno Alloa, ma la via, forse penalizzata dalla cattiva qualità della roccia che caratterizza questa zona, ebbe poche ripetizioni.

Lo sperone su cui si sviluppa la via di Berardo, nel sole del mattino

Qualche buona informazione sulla via si trova, sia su internet grazie alla relazione di chi l’ha ripetuta, sia sulle pagine di un buon vecchio libro, Montagne d’Oc di Andrea Parodi, poi ancora tra le parole di quest’ultimo e di qualche amico di Andrea. Insomma, siamo presto convinti ad andare anche noi. Valutiamo quindi di articolare la gita in due giorni: durante il primo saremo impegnati sulla Via Berardo sullo Sperone Est del Parias Coupà, dal quale scenderemo seguendo la cresta verso il Brec fino a trovare un buon posto per bivaccare; l’indomani proseguiremo e cercheremo di scalare direttamente il Mourjean per poi raggiungere l’ultima cima. Per me sarà il primo bivacco all’addiaccio: credo si potrà immaginare la mia trepidazione! Cercheremo di portare con noi lo stretto indispensabile: sacco a pelo e sacco da bivacco, acqua e un po’ di cibo da consumare senza necessità di cucinare con un fornello, un cambio di vestiti e tutta l’attrezzatura per l’arrampicata, di cui due mezze corde, qualche chiodo, martello, un set completo di friend e uno di nuts, moschettoni, rinvii, caschetti, imbraghi, fettucce, cordini… Un bel corredo!

determinati a partire

Sabato 22 settembre, nel buio del primo mattino, siamo di partenza; le previsioni meteo sono ottimali. Salendo per il sentiero Dino Icardi avverto una stanchezza quasi un po’ insolita, strascico della settimana, forse un po’ complici gli allenamenti che non mollo da mesi, a cui direi che mi sono affezionata e che hanno cambiato il mio modo di concepire tutte le cose che faccio, dalle piccolezze del quotidiano alle uscite in montagna, sempre più impegnative. Il senso di sete che si presenta anzitempo mi farà compagnia per tutto il fine settimana: realizzo presto che nei giorni precedenti non mi sono idratata a sufficienza e sono consapevole che soffrirò più del dovuto.

La partenza avviene prima che faccia giorno. Scattiamo questa foto quando stiamo camminando già da un pezzo.

Assistiamo ad una magnifica alba, per quanto non eclatante ed esagerata come in alcune mattine invernali in cui amo essere per monti ad immortalare sfuggevoli istanti in qualche fotografia: tutto all’improvviso si impregna di una luce rosata, pervade ogni cosa: i prati, il sentiero, le montagne, mentre il cielo all’orizzonte rimane di un azzurro intenso; poi le pareti che già si presentano ai nostri occhi si fanno dorate e possiamo osservare lo sperone su cui si sviluppa la via. Gli spazi sono smisurati, tanto che si perde la reale concezione di quanto le montagne siano alte. La nostra linea si sviluppa in verticale per ben 800 metri, eppure giungendo presso di essa appare persino meno imponente del Corno Stella, il cui sviluppo sul versante sud-ovest è ben minore. Sul lato strettamente personale tutto ciò significa praticamente una scalata lunga il doppio della media delle vie fatte finora, e resta comunque una via abbastanza più lunga del normale per la nostra zona. Il materiale presente in loco è inoltre pochissimo: si parla di 7-8 chiodi su tutto lo sviluppo. Tutto ciò contribuisce ad aumentare il mio coinvolgimento e rientra a pieno titolo in alcune dichiarazioni di intenti da me fatte poco tempo fa.

Una tupenda alba rosata ci coglie durante l’avvicinamento

Abbandonato il sentiero tagliamo per pietraie e detriti verso l’attacco dello sperone. Ci prepariamo. Ben presto capiremo come sarà la roccia che ci farà compagnia per tutto il giorno: un bel calcare praticamente vergine… ma abbastanza marcio, soprattutto nei tratti più facili… ma non solo. Inoltrandoci lungo l’itinerario il rumore della caduta delle pietre diventa un’abitudine, talvolta esse sembrano proiettili che sibilano nel vuoto, o meteore che solcano il cielo tracciando la loro traiettoria parabolica più o meno vicino da noi. A volte ci si schiva appena in tempo, a volte basta appiattirsi contro la parete, a volte invece si resta indifferenti, sapendo di essere abbastanza distanti.

Traverso nella parte iniziale della via

Fatto sta che nel giro di pochi tiri la parete ci fagocita, più che mai me ne rendo conto trovandomi in sosta in un canale pieno di rocce pericolanti, facendo sicurezza ad Andrea mentre è alle prese con uno dei tiri più impegnativi della via. Il silenzio è interrotto solo dal canto di un uccellino curioso che a più riprese si avvicina a noi, poi d’improvviso qualche voce dal fondovalle segnala la presenza di alcuni escursionisti, che appaiono ora come una forma di vita d’un altro pianeta. Il mio orecchio rimane tuttavia concentrato sul silenzio e su ogni minimo segnale del compagno di cordata: tutto il resto non esiste più, nemmeno il brusio dei pensieri ordinari che affollano quotidianamente la nostra mente. Forse, di tanto in tanto, affiora un dove siamo?

All’interno del canale
In uscita dal pilastrino successivo al canale

Non stiamo solo scalando, siamo in ascesi: la mondanità stagna nel fondovalle e metro dopo metro ci addentriamo in una dimensione parallela dotata di caratteristiche del tutto discoste da quelle dell’ingranaggio doloroso in cui siamo abitualmente invischiati. Dopo il faticoso tiro che ci porta fuori dal canale attraversando un vero e proprio buco inaspettato attraverso la parete e risalendo il pilastro seguente, ci aspetta il tiro chiave della via, caratterizzato da un breve traverso di V+. Tuttavia questo passaggio non ci oppone alcun problema, richiedendo forse dei movimenti più risonanti nelle nostre corde; semplicemente la sorpresa è dietro l’angolo, almeno per me: dopo un tratto facile si deve risalire un caminetto. Con l’ingombro abbastanza importante dello zaino riesco solo a inserirmi nella base di esso, ma mossi i primi passi in opposizione al suo interno, rimango incastrata; allora ridiscendo e tento di salire a poca distanza su uno dei due bordi, invitata da una fessurina, e sembra quasi una buona idea finché la presa mi esplode letteralmente in mano, facendomi rimanere appesa come un salame. Scoprirò solo dopo, risolto l’impasse con l’aiuto del compagno, che lui aveva tolto lo zaino e appesolo all’imbrago aveva dunque superato il camino. Mi sento un’incapace.

Sentirsi piccoli con buone ragioni

Ci ritroviamo in una zona di facili rocce e dopo aver sorseggiato un poco d’acqua e uno di quei comodi gel che racchiudono tanta energia in pochi grammi e ingombro minimo ripartiamo. Lo sperone ci rivela le sue reali dimensioni: siamo un puntino insignificante tra abissi che si estendono in tutte le direzioni attorno a noi. Nemmeno abbiamo raggiunto la metà della via. Ci aspettano diversi tiri un po’ tutti uguali per tipologia di roccia e di scalata, con difficoltà contenute; ci sincerano della retta via due chiodi arrugginiti. Ho memoria di una sosta su un comodo terrazzino assolato, dove posiamo gli zaini; a far sicurezza – i metri successivi si preannunciano semplici – mi siedo quasi coricata con la schiena contro la parete e l’orecchio teso verso l’alto. Intanto a pochi metri cadono le solite pietre; di tanto in tanto rivolgo loro la coda dell’occhio, quasi indifferente: fanno parte ormai del nostro ristretto universo.

Nonostante la fatica ecco che spunta il solito sorriso…

Raggiungiamo un piccolo intaglio sul filo dello sperone: da questo punto si può osservare la sottostante Valle Maira, il lago del Vallonasso di Stroppia e il bivacco Barenghi; più oltre il Monviso domina l’orizzonte con il suo elegante profilo piramidale e ciò che rimane della via si snoda davanti ai nostri occhi in modo più logico; pertanto seguiamo pressapoco il filo, percorriamo una bella lunghezza di roccia più solida e ben lavorata, e ci concediamo ancora una piccola pausa in una forcellina ombrosa. Pochi sorsi di acqua, un pezzo di formaggio e qualche quadretto di cioccolato. Sarà l’ora del té, il sole ha ormai cambiato l’inclinazione dei suoi raggi, caldi tuttavia.

Bel tiro con roccia abbastanza solida; in alto intravediamo l’uscita della via: le distanze si accorciano!

Metro dopo metro raggiungiamo la “ventidueesima” sosta (della relazione, noi dovremmo aver spezzato in due un tiro), dove troviamo ben due solidi chiodi; il martello fa il suo canto ribattendoli. Quello che ci aspetta è quindi l’ultimo tiro, ma non concede prematuri entusiasmi: le difficoltà sono di V e la roccia estremamente sdrucciolevole. Dulcis in fundo.

Uno sguardo verso l’alto dall’ultima sosta, il compagno è un puntino minuscolo. Oltre solo il cielo…

Per tutta la permanenza in sosta mi sposto per evitare le pietre che inevitabilmente cadono dall’alto, talvolta a distanza di sicurezza, talvolta – per fortuna le più piccole – senza altra soluzione sul mio caschetto. Non è divertente, la concentrazione rimane alta, ma non mi scompongo quasi più. Tuttavia, quando dopo un ultimo delicatissimo passaggio che ci fa trattenere il fiato sento il grido di gioia del compagno, mi concedo un profondo respiro di sollievo: ora tocca ancora a me ripercorrere gli stessi metri, ma sarà certamente cosa diversa. Arrampicando non riesco ad evitare qualche crollo; ricordo ancora come una veloce effimera fotografia l’immagine di un appoggio scomparire nel vuoto non appena posatovi sopra il piede… Passando da seconda la cosa non fa paura… ma fa ben riflettere se si considera l’impegno psicologico di chi è appena passato da primo! Scalare su roccia marcia mi fa scoprire come non sia ancora ferrata nel trovare solo gli appigli più sani, lasciandomi ogni tanto affascinare da quelle che sembrano prese invitanti ma che ben presto, alla prima più decisa sollecitazione, si rivelano un bel fiasco e si sgretolano tra le mani. Questa via è una grande lezione sotto tanti aspetti e intanto, mentre ero intenta ad assorbirli possibilmente tutti, ce ne siamo ritrovati al di fuori. A pochi metri da noi l’estetica linea della vetta del Parias Coupà. Le nostre facce stanche ma soddisfatte, catturate da qualche fotografia.

Meraviglioso panorama dalla vetta del Parias Coupà, dominato dall’Aiguille de Chambeyron sulla sinistra; sullo sfondo a destra si nota la piramide perfetta che presenta il Monviso osservato da questa posizione.

Anche questa volta il racconto, già abbastanza lungo, continuerà da dove lo abbiamo interrotto in un prossimo articolo. Ho trovato un nuovo modus vivendi si direbbe! Vi racconterò com’è andato il bivacco e cosa abbiamo fatto il giorno seguente. Intanto cercherò di trovare le parole che ancora mi mancano per continuare a trascrivere le cose vissute.

Prosegui la lettura>>

post scriptum

Di tanto in tanto, riguardando le fotografie della cima del Parias Coupà, mi torna alla memoria quando – anni fa – ne vidi un’immagine per la prima volta. Fui affascinata dalla forma e dal suono del nome, che significa pressapoco “paretaccia tagliata da cenge”. Scalare questa cima non rientrava nei miei piani più prossimi, ma dopo questa avventura inaspettata, resterà impressa indelebilmente tra i miei ricordi!

La stanchezza più bella del mondo! Andrea mi ha scattato questa foto a pochi metri dalla cima del Parias Coupà, presso l’uscita dalla via. Sue anche diverse altre foto che ho inserito nel racconto.

L’inevitabile pesantezza dell’essere

Persino si arriva alla sera provando vergogna della propria felicità. Il sole si è nascosto, un po’ come me, nella solitudine di un angolo aperto che farà il suo giro fino al mattino per ripresentarsi al mondo. Ripongo i sogni nel mio cuore e come flagelli tornano a farmi tormento la solitudine e l’indifferenza, la banalità del quotidiano che spesso di fa tremendo. Eppure quanta fortuna, quanta bellezza! Bisogna rendere omaggio alla possibilità del vivere giorni tanto belli, impegnativi e appassionati, spensierati nella loro inseparabile concentrazione, sacerrima. Nemmeno il moderno vocabolario dei computer riconosce questa parola. Siamo dispersi, navi alla deriva in acque di decadenza. Dove stiamo andando a finire? Poco a poco anche io perdo le parole come tessere di un mosaico che invecchia, come una montagna che poco a poco si sgretola.

L’inevitabile pesantezza dell’essere”: mi pare di avere udito queste parole, o forse le ho sognate? Mi si spalancarono gli occhi mentre tenevo tra le mani la corda assicurando il compagno. Chi lo disse, perchè? L’uomo o la montagna, un dio in qualche luogo al di fuori o all’interno di me? Forse è come se vincendo la gravità di vincesse almeno per un po’ quella pesantezza, che non è solo corporea e sostanziale, ma qualcosa che trascende la materia e rintocca nell’anima come la vecchia campana di bronzo d’un campanile lontano.

Mi riempie l’animo questa prima salita su una via classica, una via a soli chiodi, dove ho potuto sentire il suono che fa il martello ribattendoli, riportandomi col pensiero alle letture di Emilio Comici, che descriveva il suono che fa un chiodo buono, dove ho potuto realizzare che quegli stessi chiodi che vedevo erano quelli utilizzati dai primi salitori, immaginandone la creatività e l’impegno, provando per loro solidarietà e rispetto, così come lo provo per colui che ha reso possibile questa appassionante e impegnativa salita, insieme a tanta gratitudine. E dove ho sentito ancora una volta, in modo ancor rinnovato, la voce della Montagna che suona nel grande silenzio mentre noi tendiamo verso di lei. Dove ancora mi sono sentita più che mai viva.

21 giugno 2018 – Pensieri al ritorno dalla Valle Maira, dove siamo saliti per la bellissima combinazione di vie alla Rocca Castello: Sete d’Oriente+Diedro Calcagno+variante Savio. Il più bel modo che si potesse desiderare per brindare all’inizio dell’estate.

Pronti per iniziare il primo tiro
Traverso tra Sete d’Oriente e l’attacco del Diedro Calcagno
Uno sguardo sull’ardita Punta Figari, e in lontananza la Croce Provenzale
Nel fantastico diedro
Il passaggio più duro: la variante di Sergio Savio
Ed infine la discesa in corda doppia…

Fine stagione alla Meja

Quanto è stata lunga la gestazione: ci sono voluti anni affinché il desiderio che nacque sulle rocce di quella montagna si concretizzasse in un vero slancio verticale. Ricordo un giorno di tenera estate, le ultime lingue di neve nel fondovalle; dopo la salita, dando le spalle alla montagna, l’occhio indugiava curioso su quei minuscoli uomini che si arrampicavano sulle sue pareti, apparentemente appesi al nulla.

Ora, da un piccolo balconcino roccioso, sono io – con i compagni di cordata – a scrutare dall’alto le piccole sagome umane che sembravano formiche sulla traccia della via normale. Una folata di vento gelido colma di fiocchi di neve investe tutti. Gli omini là in basso si bloccano come paralizzati, fanno dietro-front e camminano veloci su per i prati. Rimaniamo noi, avvinghiati alla fredda pelle della Meja, confidando nelle previsioni e nello squarcio di azzurro che resiste sopra le nostre teste.

Siamo davvero fortunati: abbiamo la possibilità di arrampicare in un posto mozzafiato a inizio novembre appena prima che inizi a nevicare, con le ore contate; ci muoviamo tra tra i duemila cinquecento-ottocento metri, le temperature sono basse, intorpidiscono mani e piedi, il vento che le rende più acute annuncia il tempo delle ore a venire. I laghetti sono specchi di ghiaccio, i prati sono aride distese bruciate dalla lunga siccità, il gioco di luci ed ombre colora il mondo in maniera quasi allucinatoria.

Quale altra divinità, se non la Montagna stessa, può promettermi di nutrirmi ancora di tutti questi elementi? Quale altro paradiso può essere desiderabile oltre a quello che è già qui ed ora su questa terra, in questa vita? Allo stesso modo, quale altro inferno si può immaginare oltre quello che convive col paradiso sulla stessa terra, nella stessa vita?

Sulla vetta ci accarezza l’ultimo sole mentre sopraggiungono le nuvole scure da occidente. Scendiamo in fretta per il familiare percorso della normale e poi, alla base della parete, giunge infine la neve, questa volta con tutta la serietà e l’intenzione d’essere. Recuperiamo ciò che abbiamo lasciato alla base della via ed io mi attardo un po’ scendendo più lentamente sulla pietraia con le mie scarpe leggere che presto si riempiono di pietre; ancora una pausa all’inizio dei prati per svuotarle, mentre gli altri si incamminano a passo sostenuto verso la macchina.

Non voglio essere attesa, quasi non vorrei essere riportata a valle: devo camminare svelta anche io, ma la montagna è così magnetica! Ho lungamente desiderato di vederla innevata ed ora ho la fortuna di poter assistere al principio stesso del fenomeno. La mia presenza si annulla nella sua grandezza. Procedo voltandomi di tanto in tanto a guardarla ancora finché le sue pareti si ammantano nelle nebbie e nel turbinio dei fiocchi di neve, mentre i prati velocemente s’imbiancano. Raggiungo gli altri al colle, saltiamo in auto un po’ bagnati, senza nemmeno toglierci l’imbrago e scendiamo. A valle, a divorare ore misere di ricordi, frustrazioni e nuovi desideri che spingono avanti le nostre masse inerti, ad usare un’unica giornata come sale per le altre più insipide. La gioia rimbalza per una stanza nel tentativo di intercettare una condivisione, ma quando tutti se ne sono andati rimane mia soltanto e scivola nella placidità del riposo. E riposo alla terra finalmente porta la neve che ora è giunta anche qui ad estinguere il grido assetato che quasi stentava a raggiungere, troppo esausto ormai, il cielo.

DSCN3623
Nuovo sguardo dal Colle di Ancoccia
DSCN3625
Facendo nuova conoscenza con l’ambiente sul primo tiro
DSCN3638
Placche abbattute su L3
DSCN3656
Tomasz su L4
DSCN3674
Ultima sosta: arriviamo!
DSCN3682
Verso la via normale
DSCN4548
Ultimo sole dalla cima, vista su cresta sud-est
DSCN4526_1
Ultimi facili passaggi prima della normale, in conserva
DSCN4556
Occhi alle pareti, alla ricerca di altre vie
DSCN3711
Gran finale!

 

Finalmente Oronaye

Pensieri dopo una bella salita autunnale al Monte Oronaye, che svetta coi suoi 3100 metri di calcare sulle valli Stura, Ubayette e Maira. Cima desiderata da tempo, ottima occasione per studiare quello che potrà essere un interessante ambiente invernale-primaverile e per tenersi in allenamento per i progetti dell’anno nuovo.

Davanti ai miei occhi scorrono verso valle lente cascate di detriti. Non si sale, si arranca incapaci di restare propriamente eretti. Eppure due sagome in lontananza incedono lentamente come vi fosse veramente una traccia. Ogni movimento sconvolge il silenzio della quiete autunnale. Le montagne sono state abbandonate quasi da tutti; non è più estate, eppure le condizioni rimangono quasi le stesse ed il mio spirito è attratto come da un buco nero, in attesa del grande cambiamento invernale. Non esistono più ordinarie stagione, soltanto il tempo d’andare.

La mente decide di ignorare l’evoluzione che ci ha condotti a porci in assetto verticale e – per ritrovare la stessa verticalità fino alla sua compiutezza – ci induce ad avvicinarci al piano inclinato del suolo instabile, facendoci incedere come un animale in preda a gran furore. Finchè si possa nuovamente camminare, per poi raggiungere il confine della forcella.

Mi affaccio su una Valle Maira ombrosa e muta; oltre, verso il sol levante, ciò che rimane della strada da compiere. Finalmente si arrampica un po’, su quella roccia marcia miracolosamente solida, almeno per il necessario. Si cavalca il filo tra i due poli, tra sud e nord, tra luce ed ombra, tra convinzione e tarlo mentale, ma trovando il giusto equilibrio e sbucando così sulla vetta inondata di luce dorata.

Ben fatto, mi dico. Dopo un’immersione nella concentrazione, si scia sui detriti fino a valle, ci si lascia trasportare da questo destino felice, incapaci di realizzare la verità dell’azione fisica ma proiettati in un mondo di idee e stati mentali, come se il corpo non fosse che una mera estensione di una potenza invisibile chiusa al suo interno, che troppo spesso ci inganna del contrario. Viviamo in una splendida allucinazione. La vetta, alle spalle, è un altro segno dentro di noi. E si annulla, per chimera quale era, svelando i simboli e lasciandoci nudi allo specchio.

Con la mente lucida si può trattare adeguatamente con le inclinazioni apparentemente tipiche della gioventù; l’irrequietezza, l’avventatezza, l’incoscienza, l’imprudenza possono essere analizzate dalla coscienza che abbia fatto tesoro negli anni degli insegnamenti della montagna. Innanzi ad essa l’alpinista non ha né sesso né età: è il suo stato coscienziale a renderlo più incline al successo lieve o al tragico fallimento.

IMG_8417

Leggi tutto “Finalmente Oronaye”