Una goulotte fuori programma

La settimana trascorre nella sua solita tranquillità apparente, ma noi sotto sotto, come sempre, già stiamo sognando giorni di rinnovata libertà cercando nuove mete tra le nostre amate montagne. Nonostante le condizioni paiano strane e non ideali, abbiamo fin troppe idee per il tempo disponibile a realizzarle. Inizialmente non consideriamo di tornare nel Vallone di Vallanta, al quale abbiamo fatto visita sul finire dell’anno per Santa Toppa, una bella via di ghiaccio e misto sul Triangolo della Caprera, ma tutta una serie di vicissitudini fanno sì che la cordata formata da me e Tomasz sia diretta verso la classicissima Goulotte del Triangolo. Una cordata guidata dall’amico Andrea viaggerà in parallelo a noi, sulla via percorsa in dicembre, le cui condizioni sono però già rapidamente mutate. Sarà sempre Andrea a renderci possibile questa salita, aiutandoci ad integrare il nostro corredo di viti da ghiaccio ancora incompleto e dandoci degli ottimi consigli prima della partenza.

La nostra goulotte, che si forma principalmente per lo scioglimento della neve autunnale, è stata provata dalle temperature spesso alte e dai tanti passaggi delle ultime settimane in cui è stata letteralmente presa d’assalto, forse perché una delle poche linee di ghiaccio in buone condizioni nel periodo. Nonostante qualche tratto in cui già affiorano le rocce e altri in cui il ghiaccio non è che un sottile strato vetroso e precario, la linea è ancora ben percorribile e ci divertiamo a inseguirne l’elegante logicità.

La goulotte del Triangolo fotografata durante l’avvicinamento

Decidiamo come d’abitudine di partire molto presto, correndo su per la valle nera, poi percorrendo il sentiero d’avvicinamento con le torce frontali e giungendo alla base degli ultimi pendii con le prime luci del giorno. Siamo i primi, solo noi e la Montagna. Qui, nell’immenso silenzio, lo spettacolo della natura, per quanto sembri ripetersi simile ogni mattina, è superbo: la luce dapprima avanza all’orizzonte, per poi esplodere pitturando di rosa, rosso, arancio e d’oro le creste e le vette. Con tanta bellezza la nostra capacità di stupirci continua a rinnovarsi. Tuttavia il nostro cammino alla ricerca di ghiaccio da scalare ci porta a cercare freddo e ombra, e per molto tempo osserveremo la danza del sole di lontano, senza la fretta di unirci ad essa. Intanto vediamo comparire nel vallone la cordata di Andrea, che salutiamo con grandi gesti delle braccia.

Le prime luci del giorno nel vallone di Vallanta

Prima di partire ci fotografiamo sorridenti mentre sto per salire i primi metri di ghiaccio, a cui non voglio rinunciare per la troppa curiosità di verificare immediatamente le condizioni. Si intravedono tanti fori delle viti dei precedenti salitori e non sempre sono del tutto soddisfatta della mia chiodatura, ma posso proseguire ragionevolmente tranquilla verso la prima sosta. Giunta qui realizzo che tutto potrà andare per il meglio e accolgo con entusiasmo il compagno che mi raggiunge.

Pochi istanti prima della partenza, un ultimo sorriso
Primi passi nella goulotte
Tomasz a pochi metri dalla prima sosta

Proseguiamo a tiri alterni. Il momento più bello lo vivo sul tratto più ripido, sul terzo tiro: mi sento in armonia con la materia effimera alla quale mi congiungo tramite le punte dei ramponi e delle piccozze, la corda placida sotto di me e sopra la mia testa il futuro, ma nell’istante presente ho una piena consapevolezza del mio respiro, tace ogni pensiero esterno e sono in pace; coesistono la coscienza dell’errore e delle sue conseguenze e la necessità e la certa volontà del compimento, senza umane parole. Giunta in sosta, autoassicurata, guardo indietro, il salto appena superato più non si vede e il mio occhio corre rapido fino al fondo valle. E’ tutto tremendamente giusto.

Tomasz sul secondo tiro
Con una cordata di inseguitori alle spalle, percorro anche io la seconda lunghezza
Un momento in sosta e si riparte per il terzo tiro
In uscita dal terzo tiro

Superato ancora un tratto in condizioni più ostiche e delicate, senza far cadere l’attenzione, seguiamo l’invito aperto verso la cima: continuiamo così nel canale nevoso che segue, caratterizzato da una strettoia a 75°. Nell’ultima parte della salita ci accarezzano i raggi del sole e sul colletto ci sferza il vento freddo. La cima del Triangolo è a pochi passi. Il panorama si dispiega vasto intorno a noi, tra profondi valloni, canali, colatoi, vette innevate, valli più distanti.

Terminata la goulotte ci immettiamo nel canale sovrastante, che percorreremo per circa 150 metri fino al colletto presso la vetta
Giungendo al colletto
La piccola cima del Triangolo, sulla quale ci arrampicheremo per trovare il primo ancoraggio ed iniziare la discesa in corda doppia

Non è né presto né tardi, ma non temporeggiamo e ci apprestiamo alla lunga successione di calate in corda doppia sulle calde placconate del Triangolo, un altro viaggio. Non siamo velocissimi: dobbiamo infatti ricercare le soste a noi sconosciute, che spesso tendono a mimetizzarsi – un po’ arrugginite – sulla roccia; nel processo ne saltiamo una e devo risalire per un tratto.

Dopo la prima calata su grossi blocchi facendo attenzione a non incastrare le corde, ci prepariamo alle successive calate, più lineari
Belle doppie sulle placche del Triangolo
Le altre cordate in discesa, sospese tra luce ed ombra

Giunti al fondo vediamo sbucare dalla fascia di tetti che incide la parete i nostri amici e un’altra cordata: si calano sul filo tra luce e ombra, poi tutti ci inabissiamo giù nel giorno invernale che si eclissa rapido, terminando tra i boschi nuovamente alla luce della torcia frontale, rimanendo immersi in un sogno libero fino alla comparsa delle luci della civiltà.

Un rosso arrivederci

Ephemĕrus: inizio di stagione

Giorno dopo giorno la luce si è affievolita ed è tornato l’inverno sulle nostre montagne, per quanto fino ad ora sia stato avaro di neve, secco e mai eccessivamente freddo, con alcuni momenti di grande inversione termica.  Verso metà dicembre sono giunge le voci delle prime salite su ghiaccio della stagione e così siamo tornati a risalire anche noi la Valle Varaita alla ricerca di qualcuna di quelle effimere linee gelate, per riprendere la pratica e, per me, l’apprendimento dei segreti di questo mondo che tanto mi affascina fin da prima che iniziassi a dedicarmi seriamente all’arrampicata.

Le prime cascate dell’anno sono state Valeria (D, III/3) e il Salto dei Pachidermi (TD-, III/4), situate sopra Chianale, in un quietissimo giorno in cui nessuno abbiamo incontrato ed il silenzio della Montagna era onnipresente compagnia. Scalare su queste difficoltà non elevate (3/3+) mi è di grande giovamento. Scarto con anticipo il mio personalissimo regalo di Natale, se così vogliamo chiamarlo: un bel paio di scarponi ramponabili che mi permettono di utilizzare i ramponi automatici dello stesso amico di cui già iniziai l’anno scorso ad utilizzare le piccozze.  Tutte le percezioni sono leggermente differenti. Mi riempiono il cuore di gioia la compagnia, il supporto, gli insegnamenti ed i consigli di chi è con me.

Il Salto dei Pachidermi

* * *

L’anno volge al termine e mi preparo ad una nuova avventura in cordata con Andrea e Tomasz. Saliamo nel Vallone di Vallanta (Valle Varaita) alla ricerca di una linea di rara formazione, avvistata da amici e su recenti fotografie scattate da chi ha percorso la Goulotte del Triangolo al Triangolo della Caprera: è Santa Toppa (TD+, III/3+/M5, 220m). Si tratta di un’esilissima e sottile goulottina che solca come una vena le grandi placche di gneiss del Triangolo, con alcuni passaggi di misto. La troviamo in stato di grazia: c’è persino più ghiaccio che durante la prima salita, risalente al 2012. Qui iniziamo a scaldare i motori: l’esperienza è a dir poco fantastica!

Andrea sul traverso nel secondo tiro di Santa Toppa, appena prima del passaggio di misto più impegnativo.
Mentre Tomasz è in azione si può apprezzare quanto la goulotte sia stretta e esile: è il trionfo dell’effimero!
Sono felice come una pasqua, qui in arrivo alla seconda sosta della via.

* * *

All’anno nuovo la scelta delle destinazioni è piuttosto ristretta: giorni molto caldi e la forte inversione termica hanno bloccato la formazione delle cascate e rovinato le condizioni sulle linee già sufficientemente formate; le poche salite appetibili sono prese d’assalto. Si torna ancora in Valle Varaita, questa volta del Vallone di Bellino, dove finalmente posso vedere da vicino l’anfiteatro di Ciabriera, sopra al Pian Ceiol. In passato avevo sperato di venire a scalare qui ascoltando i racconti dei ghiacciatori di ritorno al rifugio Melezè, dove per qualche combinazione della vita mi sono ritrovata a passare alcuni pomeriggi solitari. Tanti parlavano del Limo Nero (200m, D/D+, III/3+): proprio qui siamo diretti anche noi. Giungendo in vista della bella cascata tuttavia, pur essendo un giorno feriale, notiamo subito numerose cordate già in azione, qualcuna in fuga sulla vicina Black Marasma, altre in ritirata. Improvvisamente il morale è profondato. Un po’ rassegnati continuiamo ancora per un tratto e giunti all’attacco, i quattro ragazzi torinesi  davanti a noi ci sorprendono grandemente, invitandoci a passare prima noi. In tutta la giornata non ci siamo mai disturbati con le altre cordate e anzi, abbiamo solo incontrato persone gentili, tranquille e ben disposte. Quella che al mattino sembrava profilarsi come una giornata infernale è finita in grande allegria e in compagnia davanti ad un té caldo con gli scalatori conosciuti sul ghiaccio poco prima. Ancora una volta la fortuna è stata al nostro fianco!

Avvicinamento verso Limo Nero, sulla destra spicca la bella Rocca Senghi
L’anfiteatro di Ciabriera
Limo Nero nel sole mattutino

Nel frattempo ho recuperato una buona abitudine: scrivere su carta. Ho ricominciato ad annotare qualche riga su un quaderno di carta, anche se mi manca molto la mia vecchia penna stilografica a inchiostro nero. Da quando si ruppe smisi di scrivere! Il tempo a disposizione non è moltissimo e quindi le mie parole sono poche e spesso sintetiche, però sono contenta.

Anche qui non ho più pubblicato nulla e con queste righe torno a raccontare qualche cenno delle nostre peregrinazioni alpine. Ho dedicato un po’ di tempo alle relazioni di qualche via e ne è rimasto poco per trascrivere su carta le riflessioni, che talvolta temo possano essere noiose e ripetitive. Vivo molto il momento presente, le giornate sono intense, piacevoli le compagnie: tutto ciò mi rende felice e credo possa venir prima del resto. Presto continuerò a raccontare, lo prometto: la ricerca dell’effimero continua con grande entusiasmo!