Diretta al Mourjean e Brec de Chambeyron

<< Continua dal racconto della salita della Via Berardo sullo sperone est del Parias Coupà, alta Valle Maira.

Dopo aver risalito ancora qualche metro fino a toccare la vera e propria cima del Parias Coupà, proseguiamo seguendo la cresta: ci ricongiungiamo quindi con quella linea immaginaria che concretizzandosi sul filo di instabili pietre collega il Buc de Nubiera al Brec de Chambeyron. Il nostro prossimo obbiettivo svetta illuminato dai raggi radenti del sole della sera; non lo raggiungeremo in serata. Ciò che dobbiamo fare ora è proseguire fino a trovare un posto che ci aggradi per bivaccare.

il bivacco

A distanza di giorni fatico nel raccontare, ogni parola mi pare banale. Anche nello scrivere le mie aspirazioni sembrano sempre amputate. Ciò su cui si posano i miei occhi è troppo più grande di me per essere degnamente celebrato e la scarna essenzialità delle nostre azioni non si presta a pindarici lirismi.

Al riparo di un grosso masso abbiamo ripulito dalle pietre uno spazio abbastanza pianeggiante dove prepariamo il nostro bivacco, semplicemente stendendo un telo e i sacchi a pelo, e riponendo vicino le attrezzature, i vestiti sudati ad asciugare nell’aria tremolante della sera. Seduti nei sacchi consumiamo la nostra cena: un cartoccio di minestra già pronta, un pezzo di formaggio e della frutta secca; l’acqua permessa non concede soddisfazioni di alcun tipo. Tutto è sacralmente saporito.

Il sole declina poco a poco sull’orizzonte di paesi per me sconosciuti; nei momenti che si inseguono alziamo la testa oltre il masso per ammirare lo spettacolo cangiante. Infine, quasi percependo l’impensabile sensazione della rotazione terrestre, viene buio.

Monviso e Visolotto nella luce radente del tardo pomeriggio
Il sole si agginge a tramontare

Dormo a intervalli: di tanto in tanto cambio leggermente la posizione del mio corpo e volgo lo sguardo al cielo tempestato di stelle che è il più bel tetto sotto cui abbia mai dormito; sul suo tappeto di blu profondo e impenetrabile le figure mitologiche degli avi si inseguono suggerendo suggestioni capaci di variare dal razionale quasi scientifico alla purezza metafisica. Solo il vento attraversa lo smisurato silenzio e la luce pallida della luna delinea il paesaggio nel buio mai completo. La civiltà è lontana, tant’è che in una fantasia passeggera si potrebbe quasi immaginare di essere i primi uomini, scacciati dall’Eden sulla brulla terra abitata dalle altre creature soltanto, oppure gli ultimi di una stirpe estinta, tanto son mute le valli e le pianure. Tuttavia nessuna di queste due immagini può esprimere il senso di grande e fortunato privilegio che caratterizza la nostra condizione. Ricordo un pomeriggio, tornando a casa con mio padre, quando gli dissi – e mi ritorna il suo sorriso pieno di compiacimento e l’entusiasmo del suo rispondere – ch’eravamo dei privilegiati a far quella vita seppur un po’ scomoda: vivere da soli in una casa di una borgata quasi disabitata di montagna. Eravamo veramente simili agli déi, per quanto la morte volle ricordarci d’esser meno di quanto pensassimo: la stessa polvere che calpestavamo sulla via che tanto amavamo percorrere insieme, quella delle vette. Dormendo lì sul filo della cresta mi è sembrato almeno per qualche istante fugace di comprendere come sia bello l’albergo eterno dove egli soggiorna. Da sei anni ormai. Sento sempre nella mia mente il suono della sua risata.

Prime luci
domenica 23 settembre 2018

Non c’è sveglia per alzarsi, il nuovo giorno ci accompagna da sé; tuttavia, tra le prime timide luci ad oriente e l’alba totalizzante godiamo ancora di un ultimo riposante torpore. Non so quanto duri, se siano pochi minuti o quasi un’ora. Non c’è nessuna angoscia, nessun desiderio di fuga, nemmeno un senso di premura. Piuttosto quasi un dispiacere nel doversene andare. Ma si deve tornare in azione: mangiamo qualche barretta e beviamo il solito poco di preziosa acqua, ritiriamo il materiale per la notte, ci vestiamo, indossiamo l’attrezzatura e si parte.

Il sole che sorge ci invita alla partenza

Tra sali e scendi e fragili traversi raggiungiamo il Pas de Jean: da qui, versante Maira, delle cenge scabrose, malsicure, improteggibili, fatte di terra e detriti compattati, conducono alla via normale per il Brec de Chambeyron; sempre qui giunge il momento di mettere in atto i propositi che stanno in principio della nostra venuta in questo luogo: scalare direttamente il Mourjean. Ci è stato riferito che ciò sia già stato fatto seppur da pochi, tuttavia, confrontando i racconti con la linea di salita da noi tentata non possiamo aver certezza della coincidenza dei percorsi. Di tanto in tanto mi ritrovo a sognare che, per quanto breve, la nostra sia una nuova via, per così dire. Di per sé la cosa non ha rilevanza, è bella di per sé, senza ulteriori aspettative, ma nel mio cuore resta comunque un momento importantissimo e per niente scevro di emozione.

Momenti lungo la cresta, prima di raggiungere il Pas de Jean

Abbiamo quindi attaccato il Mourjean in piena parete, invitati da un sistema di fessure che avevamo già osservato da lontano. I primi tre tiri della salita sono abbastanza simili tra loro: muretto più impegnativo e rocce o cengette più rotte, facili, friabili. Alla fine di queste lunghezze, abbastanza breve la prima, ci troviamo in prossimità dello spigolo sud-est. Davanti ai nostri occhi si presenta una bella parete di calcare rossastro lavorato e – sorpresa – compatto! La scalata, tralasciato un blocco un po’ inquietante in partenza, è finalmente stupenda e culmina a pochi metri dalla cima del Mourjean, segnalata da un ometto di pietre con infisso un minuscolo bastoncino.

Arrampicando sul Mourjean
L’ultimo tiro sul Mourjean

Da questo punto la cima del Brec de Chambeyron, immaginando ancora una salita diretta, è almeno momentaneamente fuori portata: si innalza infatti davanti a noi con un muro severo. Ma sempre lato Maira delle cenge, ora più invitanti, conducono in pochissimi minuti alla via normale. Scoprirò dopo che questo passaggio è la normale per raggiungere il Mourjean, per certo comprensibilmente snobbato in favore della adiacente cima maggiore, verso la quale decidiamo di proseguire, non essendovi io mai stata. Sbuchiamo a pochi metri dal passaggio chiave, attualmente attrezzato con soste moderne e sicure. Decidiamo di abbandonare gli zaini e partiamo con due caramelle in tasca che saranno una strana sorta di premio finale una volta arrivati in vetta.

Andrea sulla normale al Brec, appena superata la caratteristica placca con un passo di IV
Ultimi metri prima del pianoro sommitale

Con due bei tiretti – di cui un altro simpatico caminetto con cui cerco la mia rivincita sul genere – sbuchiamo sul detritico pendio sommitale, e in breve tocchiamo la croce. In questo giorno veramente la quota e il punto d’arrivo non contano nulla: è la scalata, il cammino, il viaggio, insomma ciò sta nel mezzo tra l’idea e la sua realizzazione, quello che conta.

L’arrivo in cima al Brec de Chambeyron
Uno sguardo verso il percorso fatto

Come sempre bisogna affrontare la discesa; la prima parte di essa, per la via normale del Brec percorsa a ritroso, eccezionalmente friabile e scivolosa, sarà snervante. Giunti poi in prossimità del sentiero sarà solo più questione di pazienza e inevitabile necessità, con la croce della sete che non accenna a placarsi e il dolore di due bolle sotto la pianta dei miei piedi, causate dall’attrito maggiore del solito ottenuto arrampicando parecchio con le scarpe da avvicinamento, un po’ troppo morbide, soprattutto nella giornata di sabato, in cui abbiamo indossato le scarpette solo per quattro tiri (ormai il giorno successivo, come si suol dire, la frittata era fatta). Decidiamo di fare una breve deviazione per raggiungere il Bivacco Barenghi, dove troveremo infine un po’ di acqua.

Mi piace ancora ricordare il gesto generoso di un alpinista ligure e del suo compagno, incontrati durante la discesa, che arrivati al Rifugio Stroppia, dove avevano pernottato, ci hanno offerto una bottiglia di acqua fresca che avevano lasciato lì, dove secche erano ormai le fonti. Solo più tardi, incontrato un ruscello, l’acqua tornerà ad essere abbondante, banale e scontata come è nei nostri giorni grigi spesi tra le abitudini e le comodità del mondo contemporaneo. Ma com’è vero che l’acqua è vita, credo in quel giorno d’aver ricevuto da una persona il dono più prezioso.

In questa foto scattata giungendo al Pas de Jean, Andrea ha gentilmente tracciato con una linea rossa dove siamo saliti sul Mourjean (max IV+ secondo noi). Scattate da lui anche le foto in cui compaio, che resteranno tra i piacevoli ricordi di queste giornate. Grazie di tutto, come sempre!

Piccole cronache di giorni in Marittime, III

9 settembre 2018, cresta sigismondi all’argentera

Dormo di un sonno meravigliosamente ristorante, calmo e intensamente riposante. E’ bello ritrovarsi a passare la notte in rifugio, mi è capitato solo un paio di volte durante l’estate. In questi luoghi c’è per me un senso di appartenenza e un’aura di benessere.

Usciamo quando la luce inizia ad invadere la conca buia e già si distingue la desolazione di pietre ai piedi dell’Argentera e della Nasta; la luce frontale serve per poco tempo. Inizialmente, sulle orme dei primi a partire, seguiamo il sentiero che conduce al passo dei Detriti, e ci portiamo alla base della sua conoide.

Salendo al Colletto Freshfield

Qui attraversiamo sotto le pareti rocciose per raggiungere la base del canale che culmina nel Colletto Freshfield, al quale saliamo senza difficoltà e dove ci leghiamo in cordata per affrontare le prime placche in conserva, dopo le quali inizia la salita vera e propria: davanti a noi si erge la cima Purtscheller, e per raggiungerla facciamo tre tiri di corda seguendo il mio naso, ricompensato, quasi in cima, dalla presenza di un vecchio chiodo che fotografo con un tocco di infantilità e dal ritrovarsi semplicemente “nel posto giusto”, cosa che dà un senso l’imposizione della mia lettura, che a tratti credo possa aver dato qualche dubbio al mio socio.

Un piacevole ritratto “in azione” scattato da Tomasz, bellissimo ricordo: grazie!

A volte ci si sente in imbarazzo nel volersi far dare ragione a tutti i costi, nel mostrarsi convinti pur mai abbandonando del tutto la consapevolezza dell’errore che sempre sta dietro l’angolo, tanto più per un alpinista giovane come me. Io poi, che nel quotidiano ragione non ho quasi mai, giusto o sbagliato che sia. Tuttavia so che in questa gita in cui l’itinerario era incognito ad entrambi ho imposto moltissimo la mia personalità, la mia volontà e la determinazione che vorrei avere anche nei giorni più banali trascorsi a valle. Il processo mentale che tutto ciò mi ha procurato è stato per me intenso, interessante e sicuramente mi ha dato tanto: credo di aver fatto dei passi avanti sia nella conoscenza di sé, sia in quella dell’ambiente alpino. Per alcuni tutto ciò sarà poca cosa, ma per me resta un episodio grandemente arricchente e più significativo per esempio di una via con difficoltà molto maggiori ma segnalate dalla presenza di chiodi o da una tranquillizzante linea di spit. Insomma, per me è stato alpinismo vero, seppur non difficile. Scegliere dove passare e come e quando proteggersi è bellissimo ed rappresenta una strada che desidero tornare a percorrere, approfondire e conoscere meglio.

Usciamo soddisfatti dai tiri di corda, a poca distanza dalla cima Purtscheller

Fatto sta che dalla cima Purtscheller il percorso si fa evidente e logico: siamo in cresta; continuo a ricordare il mantra costituito dalle parole di Andrea prima della partenza: “cerca il facile” e con questo pensiero in mente ci muoviamo su un lato o sull’altro del filo, fino a raggiungere la Cima Genova. Qui abbiamo una possibilità per abbandonare e calarci verso la via normale alla cima sud dell’Argentera, a poca distanza dal Passo dei Detriti. Valutare la discesa in verità ci tocca, perché non è presto come vorrei; tuttavia la giornata è buona, il tempo sufficientemente stabile nonostante qualche nuovo accumulo di umidità che già risale verso le vette.

In lontananza si intravede la vetta

Così continuiamo su alcuni dei più bei passaggi della cresta, sul III superiore, molto esposti: stupendi. Solamente dobbiamo prestare attenzione a non far cadere pietre: sotto di noi si trova infatti la cengia che caratterizza la via normale e molte persone la stanno percorrendo… magari anche senza caschetto e ignare della nostra presenza.

Bei passaggi

Quello che sembra un piccolo torrione ostico si rivela essere come alcuni episodi della vita: un inganno dato da uno sguardo lanciato da troppo lontano; infatti, giunti presso di esso, scorgiamo una facile cengetta che ci permette di aggirarlo, risalendo poi per rocce articolate fino a ritrovare il filo, saltare dal lato opposto fino a trovarci fuori dalle difficoltà. Così in breve ci ritroviamo sulla Spalla: da qui non ci resta che attraversare con entusiasmo l’ultimo tratto di facile cresta, principalmente costituito da massi e roccette, ritrovando velocità fino a scorgere la bella croce di vetta.

C’è un momento in cui realizziamo di “essere fuori”, nonostante resti da percorrere un ultimo tratto di cresta praticamente orizzontale tra la Spalla e la vetta
Sulla cresta finale

Siamo gli ultimi a raggiungere la cima, ma io mi sento come quegli ultimi beati a cui apparterrà il regno dei cieli, al quale ancora una volta sono giunta vivente, credendo ancora al valore allegorico delle parole e non al loro primo banale aspetto più letterale, frutto di tante incomprensioni, mistificazioni, limitanti visioni, senza temere identificazioni di qualsiasi genere ma soltanto ascoltando una voce interiore – che utilizza modalità a lei familiari per abitudine e cultura – in armonia col momento presente.

Una meritata foto di vetta

Per qualche momento ci lasciamo andare, si ride, si scherza, si mangia e si beve, si ripone l’attrezzatura, si scattano fotografie. Poi ancora un po’ di concentrazione: servirà ancora per affrontare in sicurezza la discesa per la via normale, non difficile ma esposta e da non sbagliare. Anche qui purtroppo sono morte diverse persone: fino al passo niente scherzi, niente spazio per stanchezza e distrazioni. Dal Passo dei Detriti scendiamo spensierati, nonostante il cammino fino a valle sia ancora lungo. Si concluderà nella luce soffusa della sera, ancora una volta quando in giro non c’è più nessuno (o quasi: riceveremo infatti un passaggio da altri scalatori facendo ritorno al Gias delle Mosche, dove avevamo lasciato l’auto sabato).

Un bellissimo ritorno nelle montagne di casa, quelle della mia infanzia, le più ritratte nelle vecchie fotografie dei nonni, percorrendo però nuove strade, crescendo e conoscendo, osservandole da nuove angolazioni e in tutti i diversi momenti del giorno, così apprezzabili nella loro diversità, ma con una predilizione per la sera, che quasi sempre si perde lontano dagli occhi. Forse una fine di stagione, pur non sapendo dove vi siano realmente confini, perché a realizzare sogni ormai si sa: io sogno sempre più forte.

Discesa lungo la via normale